La bellezza del bene comune

Purtroppo spesso il senso del rispetto e di considerare Milano come la propria città da curare, apprezzare ed abbellire, fa parte di una  storia ormai lontana ma che dovrebbe essere ritualizzata e riproposta alle giovani generazioni e non solo.

Sicuramente appare molto importante migliorare il decoro urbano, dai graffiti effettuati negli spazi non autorizzati, dalle cartacce buttate a terra, dagli oggetti lasciati per strada. Per non parlare delle zone inondate ogni sera da urina umana o dalle varie illegalità che si vedono quotidianamente, dalla persona Rom con un neonato in braccio  all’incrocio, alla prostituzione, allo spaccio di sostanze.

Altro elemento inquietante consiste nell’irresistibile desiderio che hanno alcuni di profanare palazzi storici, monumenti, opere d’arte pubblica, spazi comuni come la fontana  “Alla Libertà e alla Pace”, realizzata da Andrea Cascella (1919-1990), usata come lavatoio per panni, o vasca da bagno per i cani e  successivamente, quando il  Comune decise di chiudere l’acqua,  apparvero segni di vernice inqualificabili, oppure  la scultura esposta all’ingresso dello Studio Museo Francesco Messina un’opera dell’artista Franco Mazzucchelli, che consiste in uno dei suoi noti gonfiabili, rotto e riempito di bruciature di sigarette

Un cancro con cui le metropoli convivono, nell’eterna lotta contro bombolette e marker usati nel modo peggiore: per offendere, calpestare, mortificare e mortificarsi. Accade di continuo, col solo effetto di gravare sulle collettività, laddove le amministrazioni vogliano e riescano a ripulire.

Quello che sarebbe opportuno creare è una alleanza fra comune e cittadino,  ristabilendo un clima di serenità e fiducia reciproca dove quest’ultimo possa segnalare  tutte le situazioni illecite per permettere un intervento tempestivo e per far sì che ciò che è contrario alla legge possa venir  punito rapidamente, facendo forse rinascere una nuova cultura della legalità e del rispetto  tra i cittadini. Questo è un obbiettivo nel mio programma: chi non rispetta il bene comune, non  rispetta neppure altri valori per cui dobbiamo educarci al rispetto e al bello che ci offre la nostra Milano potenziando la tecnologia per un costante monitoraggio della città.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi