Milano più scorrevole

Milano-più-scorrevole_Stefano-Pillitteri

In un settore delicato e strategico come quello della mobilità la Giunta uscente ha perseguito un’unica ed implacabile linea di indirizzo: introdurre divieti.

Come se il cittadino che usa il  mezzo privato per le proprie esigenze lavorative andasse “rieducato” perché “ha fatto il cattivo”. E non perché, magari, non aveva alternative che gli consentissero tempi di percorrenza sostenibili.

Il tutto nella logica astratta ed elitaria di chi vuole indicarti “la giusta via” di cui è l’esclusivo depositario.

Senza conoscere le difficoltà che, ogni giorno, deve affrontare il cittadino che non ha il privilegio di vivere in centro ed utilizzare l’ecologica bicicletta per le poche centinaia di metri che lo separano dal luogo di lavoro!

Non si tratta, invece, di rieducare. Ma di promuovere, per l’appunto, le alternative al mezzo privato.

Non è l’imposizione attraverso i divieti che favorisce la “mobilità sostenibile”.  Ma l’incremento della possibilità di scelta.

 

Milano più scorrevole

Nuove metropolitane

Promuovere investimenti per la realizzazione di infrastrutture sotterranee per migliorare ed incrementare e velocizzando le possibilità di trasporto del cittadino.

Più mezzi pubblici a tutte le ore

Aumentare la frequenza dei mezzi pubblici anche nella fascia notturna e festiva adeguandoli ai nuovi ritmi di una città cosmopolita e produttiva contenendo il costo degli abbonamenti.

Aumento del Bike e Car Sharing

Proseguire e incrementare l’esperienza del Byke Sharing e del Car Sharing entrambi, peraltro, introdotti dalla Giunta Moratti.

Chi va piano va sano e va lontano

Sanzionare realmente le condotte imprudenti e pericolose alla guida. Introdurre limiti di velocità realistici e promuovere un ciclo virtuoso di comportamenti adeguati alla vita in città. 

Parcheggi idonei in città

Limitare al massimo interventi di restringimento delle strade e di eliminazione di spazi idonei alla sosta.

Tolleranza zero per l’uso della bicicletta sui marciapiedi

Sanzionare l’uso inappropriato della bicicletta, soprattutto sui marciapiedi, che oggi costituisce una fonte di rischio crescente per i pedoni, soprattutto quelli più anziani.

 

Milano più efficiente

Milano più sicura

Milano più equa

Milano più libera

Milano più sociale

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi